lunedì, giugno 26, 2006

Referendum: Basta autogol. Si cambi leadership

I primi dati sono scoraggianti: il NO si attesta al 59%. Ora, io mi aspettavo la vittoria dei NO, ma questa vittoria di Pirro è il risultato di alcuni dati di fatto:

1) La sinistra ha mobilitato il suo elettorato e su questo è molto abile. Il risultato è che gli elettori di sinistra sono andati in massa a votare.

2) La CDL è totalmente incapace di fare campagne elettorali vincenti. E' una critica assai dura la mia, ma che dovrebbe servire da lezione per le prossime volte. Ma come caspita si fa a cercare di convincere anche gli elettori moderati di sinistra, dicendo cose come "E' un referendum contro Prodi" o "Se vince il no andiamo alla Nazioni Unite a chiedere l'applicazione della legge al Sud". Caspita, ma questi sono veri e propri autogol peggiori di quello di Zaccardo. Come se non bastasse questo autogol clamoroso, la Lega dice che se vince il NO andrà in Svizzera.

Smettiamola. Almeno quando c'è bisogno, evitiamo di continuare a regalare assist all'avversario.

Occorre un serio esame di coscienza da parte dei nostri "leader". O imparano a fare le campagne elettorali, oppure si cambi leadership. Gli unici che nel centro-destra sono stati in grado di spiegare bene le ragioni del SI anche ai moderati del centrosinistra sono stati proprio i Riformatori Liberali. Purtroppo però non hanno avuto tanto spazio.

Povera Italia, purtroppo ero e resto convinta che c'è allegia alle riforme modernizzatrici. Ora però facciamo il tifo per l'Italia del calcio. Speriamo che vinca almeno quella.